decisione al sapore di vita e sentimenti in attesa.

15 02 2007
non ci crederete, ma sono tornata di nuovo nell’infinito spazio del web.
con immensa gioia oltretutto. in questo periodo di assenza sono successe delle cose nella mia vita, dei cambiamenti che anche se non sembrano tali, hanno cambiato il mio futuro…
per la prima volta nella mia vita sento di aver fatto una scelta che mi soddisfa, che mi fa sentire bene. per la prima volta ho agito come volevo senza farmi influenzare da nessuno. beh di sicuro la mia scelta è stata influenzata da qualcosa, tutte le scelte lo sono, ma questa volta è partita da me. l’anello di fumo che ruotava intorno al suo volto si è finalmente dissipato (è un riferimento che nn potete capire).
ora, ora che tutto è stato distrutto, sento per la prima volta di star costruendo qualcosa.
e’ come se avessi smesso di mettere i mattoni uno sopra l’latro per costruire una casa che non poteva ergersi e stessi costruendo un intera città che splendida e possente mi appare.
si puo dire che per la prima volta mi sento serena. ciò nonostante ho alcune preoccupazioni, più che preoccupazioni… come chiamarle? confusione? si ,forse si.
ho molte cose dentro che non ho tirato fuori e non ho intenzione di farlo. questa volta voglio agire, ma non sarò io a farlo, scatenerò una reazione. sarò in grado di farlo? nn so.non ci ho mai provato fin ora. mi piacerebbe essere più chiara, ma non posso. lo so che nn ci state capendo un cazzo di questo articolo! ho paura. paura di distruggere qualcosa, paura di questi miei sentimenti così controversi. ancora una volta resto quì a sperare con gli occhi sognati che qualcosa avvenga, qualcosa i surreale magico e anche assurdo. si assurdo,profondamete assurdo e irrazionale.
 ma a volte sono le cose assurde che ci rendono contenti, seremi.
la mia decisione di lasciare bologna, lasciare l’università è stata assurda, ma è stata la decisione migliore che abbia mai preso in tutta la vita (fin ora, credo), si perchè sto bene, almeno ora. non mi chiedo cosa succederà dopo. vivo questo mio presente per la prima volta nella totale ,o quasi, noncuranza di ciò che sarà, ciò che sarà o dovrebbe essere.
vivo per la prima volta. si vivo. sento la vita scorrermi nelle vene e inebriarmi.
però manca una cosa, una sola cosa per rendere questo sangue che nelle mie vene scorre come per la prima volta, davvero pieno di emoglobina. mi manca il coraggio di tirar fuori quel peso che ho dentro, quello che fino a poco tempo fa era solo una specie di confuso sentimento fluttuante nella mia mente e che ora comincia a delinearsi. non si delineerà mai del tutto se non avrò un segno, ed è ciò che sto aspettando, un segno.
non posso ripetere gli errori del passato, ne ho commessi troppi anche se non ne rinnego alcuno. ora non voglio distruggere queste pace, voglio che per una volta sia l’altra parte a rischiare, a gettarsi nel vuoto sperando che ad accoglierla ci sia una catasta di piume e non un desrto d’acciao. ma non so se l’altra parte vuole tuffarsi, non so se vuole farlo per me. mi sto di nuovo illudendo lo so. lo so. ho già avuto molti segni del contrario. avrò la forza di sopportare di nuovo una frase irrisolta? o una frase risolta e chiusa che mi preclude tutto ciò che avevo bramato? ma devo sperare, la speranza è tutto ciò che ci resta quando il resto non c’è.
e per me ora non c’è nulla, ci sono io, io e nient altro se non le mie speranze!
Annunci

Azioni

Information

2 responses

15 02 2007
Elisabetta

Ciao Vale! Mi rotrovo di nuovo qui, sul tuo blog a commentare un altro tuo articolo, profondo e sentito come sempre. Quello che volevo dirti è che noi ci troviamo sempre a fare i cosiddetti salti nel buoi, tutti ne han fatti e tutti ne faranno ancora, non sappiamo cosa ci aspetta dall\’altra parte, al di là del buio, ma sentiamo che qualcosa ci spinge a saltare, a fare la nostre esperienze, a fare le nostre scelte (che non sempre sono giuste ma che rimangono pur sempre le nostre) che in un modo o nell\’altr segnano e indirizzano la nostra vita. Tu hai fatto una scelta, e se al momento ti sembra la cosa migliore che potessi fare allora la tua scelta non sarà sbagliata. Dobbiamo sempre fare ciò che ci sentiamo di fare, anche se non ci saremmo mai aspettati di fare quella scelta. Ti auguro di poter sempre indirizzare la tua vita verso ciò che ritieni + giusto, e ti auguro di fare ancora tanti altri salti nel buio, perchè sono quelli poi che , alla fine di tutte le cose, ci fanno crescere e maturare e fanno di noi esseri umani. ti voglio bene. baci baci    Eli

16 02 2007
Giovanni

Ti ammiro veramente per il tuo coraggio, per il fatto che non ti lasci vivere,
per il fatto che non continui a fare qualcosa solo perchè tutti si aspettano che tu la faccia.
Tutti si sarebbero aspettati che tu fossi rimasta a Bologna,
anche se volevi tornare sempre,
anche se laggiù ti divertivi come si diverte un animale in cattività.
Invece tu hai fatto la scelta più ovvia da farsi cioè fare quello che ti rende felice.
Hai mai letto Siddharta, di Hermann Hesse?
Ricorderai che a un certo punto lui va a vivere con la bellissima Kamala alle dipendenze del ricchissimo Kamaswami e impara a guadagnare, spendere, divertirsi, abbandona la vita ascetica.
Ma si accorge presto di non sentire più la voce della sua anima, il cinguettio che sentiva quando era eremita si era trasformato in un flebile strepito.
Allora Siddharta si dispera, capisce il suo errore e scappa.
Incontra un umile barcaiolo, che poi in realtà sarà il suo unico maestro nella sua vita, Vasuveda, l\’uomo che ascoltava il fiume.
Da lui impara di nuovo a sentire la voce interiore, senza che tutte le distrazioni del mondo lo distolgano dal mistico ascolto.
Ecco, secondo me tu hai la qualità di ascoltare questa voce interiore come poche altre persone sanno fare.
Hai la qualità di Vasuveda.
Penso sia il commento più benevolo, ma anche il più sincero che io abbia mai lasciato su questo blog.
Detto ciò, pur confermando tutto quello che ho scritto qui sopra, ti comunico che non ho intenzione di cambiare la foto sul blog
perchè mi piace così. ahahahahahah! 🙂
Sul tuo blog ci puoi pure mette quella dove sono venuto male, chissenefrega però le foto che ci ho messo ce le tengo il blog è mio e me lo gestisco io. òh.

ciao Valè!
tvfbbè !!!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...




%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: