paura e delirio interrail

30 08 2007
eccomi quì alla buon ora (01.52) a raccontare del fatidico viaggio.
da dove iniziare?
farò un percorso a tappe per rendere l’idea in modo non troppo logorroico!
1-PARTENZA
si partì dalla ridente e calda cittadina di San Benedetto del Tronto in un pomeriggio afoso, per l’esattezza il pomeriggio del 2 agosto.
Il viaggio in treno per Bologna fu tragico… un odore insopportabile nel treno, un caldo indicibile, condizionatore rotto… il solito di trenitalia insomma. Ma l’estasi della partenza era tanta che non ce ne curammo. Eravamo gioiosi e avidi di esplorare nuovi luoghi, di vedere nuova gente, di ascoltare nuove lingue!
2-ARRIVO A BOLOGNA
di nuovo quì, nella città che ormai pare essere un archè assoluto della mia esistenza. lasciarsela alle spalle per poi sempre tornare.
La borsa era pesante… avremmo dovuto abituarci all’insostenibile pesantezza dei nostri bagagli. Per fortuna Andrè ci amabilmente accolti nella sua dimora e ci ha offerto del cibo e della birra.
3- PARTENZA PER MONACO
Questo viaggio si prospettava stancante… ma al tempo stesso radioso e pieno di aspettativa!! Stavamo per giungere a Monaco; la città della birra, dei prezel, del bavaresi, dei parchi e dell’aria fresca. Quest ultima però l’assaporai assai prima di giungere a Munchen.
Mi misi a dormire nel treno sdraiata in terra e scioccamente non mi accorsi del condizionatore d’aria acceso al massimo.
Beh in italia faceva ancora caldino. Arrivati al brennero mi svegliai di colpo. THE FRESH AIR EXPLOSION!!! un freddo indicibile stavo per morire assiderata. Allorchè dormire fu impossibile, ma mi divertii ad osservare le montagne, i fiumi e i paesaggi austriaci. Dell’estate non si sentiva più nemmeno l’odore, ma io ero entusiasta!
4 MONACO… LA MIA CITTA’
Che dire… approdata in suolo teutonico provai subito un eterea sensazione di benessere, pulizia, freschezza.
Il tempo non era dei migliori, ma presto uscì il sole.
Trovammo un ostello molto grazioso e a un buon prezzo e ce ne andammo per le vie di questa ridente cittadina.
Odore di prezel e di salsicce per le vie ( o forse era la fame) cattedrali gotiche, fontane ovunque, e parchi…
Mi fece subito una buona impressione.
Ma l’innamoramento è un processo lento e graduale e scatto solo nel pomeriggio quando entrai nel tempio della gioia: l’Hofbrauhaus!!
la birreria più grande che abbia mai visto dove la gente non sembra bere per dimenticare le afflizioni, ma per vivere intensamente il soffio della vita, tra una birra ( tra l’altro davvero buonissima) , un prezel e una ballata suonata dai vecchi bavaresi!!
ho anche conosciuto mio nonno!!!! (vedi foto)!!
Si nel tempio della gioia, dopo tanto tempo mi sentii di nuovo FELICE!
poi il giorno seguente all’Englishgarten è stato incredibile… un parco davvero affascinante dove tanti ciccio deutsch giocavano indisturbati.
Anche l’hard rock cafè non fu male. comprai una felpa che poi persi con dolore.
5- PARTENZA E ARRIVO A BERLINO
anche questa fu una notte fredda. In treno condizionatore a palla, pare lo facesso di proposito.
Dormii poco e sognai cose inenarrabili!
 Berlino.. città d’arte, di cultura, di storia che si può quasi toccare con mano e di cui si sente ancora il sapore. Ho parlato tedesco a mille e i sono invaghita di quel fiume, di quel parco con tanti uomini nudi (ahaha) e di quella modernità unica e tipica.
Anche l’ostello non fu malvagio e il cibo era ancora commestibile.
E poi quel giorno al parco a mangiare Quark e Brotchen mit Shinken con Giova, Cianna e Chiara!! bello bello!!
6- PARTENZA PER HELSINGORE
Ecco che si parte verso il nord… che emozione. Non vedevo l’ora di arrivare a Malmo per fare scalo.
Quì abbiamo intrapreso l’avventura delle cuccette vagone letto per la notte.
Dalla foto "c’è più gusto a essere italiani" si puo notare che avevamo camminato tantissimo, eravamo stanchi e maleodoranti. così abbiamo adottato le giuste precauzioni!
La vez che musulmana che dormiva con noi non ringrazia!
7- SCALO A MALMO E ARRIVO AD HELSINGORE
Malmo, Malmo… gia mi sapeva di terra nordica, vichinga, vissuta. Terra di bionde valchire, di uomini dagli occhi di ghiaccio, di mare del nord e pesce appena pescato.
Di fatti andai al mare con chiara e mi sentii dentro una libertà sconfinata, mi sentii viva.
respirai a lungo l’aria del mattino svedese, che non era poi così freddo come mi aspettavo, tutt’altro…
Poi partimmo per Helsinborg dove prendemmo il traghetto per Helsingore (danimarca)! Ah che sensazioni magnifiche! Attraversare il mare del nord che separa la svezia dalla danimarca, a molti può sembrare banale, ma a me ha lasciato un brivido lungo la schiena.
Arrivati ad Helsingore testammo subito la genuinità del popolo danese, sempre disponibile a dare informazioni e aiutare il prossimo!
L’ostello era una favola… incantevole e al tempo stesso incantato.
Tante casette di legno che davano su un giradino confinante con la spiaggia granitica che a sua volta confinava col mare dall’altra parte del quale si poteva scorgere la svezia.
Un paradiso a cielo aperto. Peccato non potersi fare il bagno per via delle meduse morte!
il momento epifanico che mi ha gelato il cuore è stata la sera al porto.
Scorgere la svezia dall’altra parte del mare, quelle lucine fioche al di la della distesa d’acqua buia mi hanno fatto bagnare gli occhi di lacrime e mi hanno riempito il cuore di una strana sensazione. Era come se tutto l’avessi gia vissuto, gia visto. Come se quei luoghi mi appartenessero da ere lontane.
8- COPENAGHEN la città ambigua
Dico ambigua non in senso spregiativo. Ambigua è la lingua. ogni cosa pare rimandare ad una sessualità spinta (vedasi la via del nostro ostello che NON A CASO era Ravensborggade ahahaha) o a cose purulente ( vedasi il piatto tipico smerbrod), ma al tempo stesso una città vitale, salutare, limpida e briosa. Tutti in bicicletta, tutti gentili, tutti di una bellezza genuina e quasi irreale.
Chiese svedese, mare azzurrino, case dai tetti spioventi e aria pulita.
Ma nonostante ciò c’è l’eccezione: Christiania. Un quartiere che ha un suo perchè. Una comune dove l’erba è davvero libera, dove qualcuno ha combattuto per guadagnarsi un porta d’uscita dal conformismo, dalle regole, dalla guerra.
Oggi non ne restano che tossici intenti a vivere negli ex casermoni militari, tutti ridipinti in modo meraviglioso.
Sembrava un sogno.. o forse un trip!
Poi la fabbrica della Carlsberg!! ragazzi mai vista tanta birra messa insieme.
9- NUOVO SCALO A MALMO E PARTENZA PER BERLINO
che bello ragazzi! Il treno è salito sul traghetto. Noi siamo scesi dal treno e siamo saliti sul ponte del traghetto.
L’aria pungente, la svezia che si allontanava, il profumo del mare… 
Poi di nuovo a berlino. La stazione che ti catapulta in un altra era.. un era futura che al presente non appartiene!
10-PARTENZA E ARRIVO A PRAGA
L’INSOSTENIBILE LEGGEREZZA DELLA MIA BORSA!!!!!!!!
il viaggio per Praga non fu per me un viaggio di gioia.
Apparte il fatto che ero ormai stanca e triste. Si, avevo lasciato sul treno la mia felpa dell’hard rock cafè di monaco. Sono fatat così purtroppo, sempre con la testa tra le nuvole e mai con i piedi per terra!
Apparte ciò, lo scenario che si poteva osservare dal finestrino era: disfacimento, abbandono, terre incolte lasciate al proprio destino, case in disuso, fabbriche in sfacelo, stazioni diroccate e tratti di vero nulla.
Questo mi fece avvertire per tutta la permanenza a Praga una sensazione di arretratezza e di estraneità.
Ciò nonostante Praga fù rivelatrice. Mi sembrava di vivere in un libro di Kundera.
Trovammo persino un appartamento magnifico, attico, 3 camere, cucina, arredato con gusto a soli 12 euro a notte a praga 3.
Il centro mi piacque.. ponte di Carlo è di sicuro il ponte più bello che avessi mai visto.
Statue erette a simbolo di una storia che non ha ancora lasciato quella terra.
Sulla Vltava svettano torri vampiriche, il castello pittoresco di un arte diversa e un cielo sotto il quale vive ancora il dramma di una città che è rimasta vittima di un forte sopruso, di regime totalitario di cui ancora si respire l’acre vapore.
Mi dispiace non aver visto la casa di kafka e il castello… ma erano sorte delle problematiche di cui non starò quì a discorrere!
A praga mi accorsi di aver perduto anche 3 cd che presi a Berlino!
Ah che guaio L’INOSTENIBILE LEGGEREZZA DELLA MIA BORSA!!!
11- SI TORNA A CASA
Questo fu di certo stancante e deletereo, ma la voglia di cibo vero, di pasta e di casa c’erano.
ore ed ore ed ore di viaggio. Sembrava che non si arrivasse mai.
Ma alla fine ce la facemmo… ed io trovai triste sentire di nuovo parlare una lingua conosciuta, vedere luoghi gia visti e rivisti e rivisti ancora!
Avevo ancora voglia di andare, vagare… magari verso l’estremo nord.
sarà per il prossimo viaggio che spero ci sarà presto.
NORVEGIA ARRIVERO’!!!
 
Annunci

Azioni

Information

6 responses

30 08 2007
Beatrice

tvb tanto tanto =) 

31 08 2007
Giovanni

Si, è vero mi ricordo tutto… E\’ stato il viaggio più bello della mia vita. ciao un bacione!!! 🙂

1 09 2007
luca

gran bel blog grandi album grandi film e grandissimo libri! 

1 09 2007
Elisabetta

Proprio un bel viaggio!!! Il mio ferragosto??? meglio non parlarne!!! cmq non sono sparita sono sempre qui vale! 😉  anche se devo distribuire la mia vita fra sbt e perugia, xò ci sono sempre, anche se lo studio ruba parte della mia giornata! cmq ci vediamo domenica da chiara!!!  besitos 

3 09 2007
Agnese

bellissimo blog e ottimi gusti musicali direi!=) se ti va passa da me…STAY METAL!!:bastard of bodom:
P.S. complimenti anche x la collezione di cd 😉 

3 09 2007
Agnese

ho dimenticato una cosa: se passi sul mio blog puoi dirmi di chi è la canzone nel media player?è bellissima *__*
grazie!!ciao e ancora complimenti \\m/ 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...




%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: