pensieri,mani, e fredde dita.

6 09 2007
Un idea di quel che mi sta succedendo in questo lembo di tempo rubato alla vita, davvero non ne ho.
Tutto mi sovviene e poi, in attimo che pare non avere storia, quel tutto mi guarda,
l’espressione imbronciata e beffarda,
gli occhi vitrei di uno strano sarcasmo,
si volta e se ne va.
Ed io… io resto quì coi suoi ricordi a scrivere su pareti immaginarie le sensazioni che ormai non provo più.
E questo freddo giunto dalle mie terre, che mai saranno mie, mi scalda il cuore e mi gela le dita che ormai sono stanche, così stanche.
Accarezzare con quelle soffici dita il volto della gioia vorrei ancora!!
Prendere la vita a piene mani e gettarla nell’aria fresca e gonfia di speranze del mattino, come coriandoli di carnevali morti e putridi, così fasulli!
Un corpo si distende al mio fianco quando Morfeo, lentamente giunge dalla terra degli immorali dei.
Lo guardo, lo bevo con le mie pupille assetate di luce, coi miei occhi che da troppo si cullano nelle oscure membra della notte.
Oh, quel corpo, quel magnifico corpo non sarà mai per me solo un corpo!
Nessun corpo è solo un corpo, esso è solo l’idillica o perfida corazza che ci viene spalamata addosso al momento della nascita.
Non abbiamo scelto questa vita, ne questo corpo, e così amareggiati e cauti, ci aggingiamo a respirare.
Quante volte ti ho sognato legame supremo di ogni cosa! Empatico, utopico amore. E quante volte ti ho perso senza averti mai raggiunto.
Vorrei, con queste esili e fredde dita, poterti una volta sola sfiorare il volto, ma esso evapora ogni giorno, quando il sole allegro spunta! 
 
Annunci

Azioni

Information

8 responses

9 09 2007
Thor

ich hätte gewollt in mein Geburts Sprache dich schreiben, oder in jener von meinen Vätern..
Aber ich wollte daß nur du konntest lesen und verstehen meine Wörter, nur für dein Herz.
Wenn ich dir ein Geschenk geben könnte, ich würde dir eine Rose schenken.
Eine Rose, die üppig in dein Herz erziehen würde, ernährt von der unendlichen Liebe, die du in von dir hast..
Und stark würden seine Dornen, fertig zu schützen du gegen jede beleidigte Feindin..
Und ein Tag jemand, dich treffend, es würde jene Rose von Liebe wiedererkennen, und es würde können sie für den Rest des Lebens pflegen und lieben..
Und jedoch erbärmlich und traurig ist das, was ich für dir machen kann, da mein Wörter sind nur Wörter und ein shwacher Trost für dich..
Ich bin dir nah, aber ich bin betrübt, nicht haben die Macht, für jetzt , mehr machen..
Ich umarme dich und ich wünsche dir jedes gut..
Thor

9 09 2007
carmine

A volte è davvero troppo prepotente la luce…
Più congeniale la notte…
Mgari solo la fioca luce di una vecchia lampada 

5 10 2007
Deborah

e se penso a che male…al male che fa…restarsene chiusi..in una camera buia…ad aspettare che la luce del giorno tolga via…le ombre…sulle pareti della mia anima..imbiancata di sogni…
 
 
qualcosa…in comune…
il gelo e quel freddo…forse…l\’attesa del caro Morfeo e l\’ingresso ai cancelli dell\’incubo…di quel sogno tanto proibito…dell\’amare la Vita..con l\’Assoluta certezza di essere un breve sbadiglio nella Notte dei tempi…

5 10 2007
Deborah

e se penso a che male…al male che fa…restarsene chiusi..in una camera buia…ad aspettare che la luce del giorno tolga via…le ombre…sulle pareti della mia anima..imbiancata di sogni…
 
 
qualcosa…in comune…
il gelo e quel freddo…forse…l\’attesa del caro Morfeo e l\’ingresso ai cancelli dell\’incubo…di quel sogno tanto proibito…dell\’amare la Vita..con l\’Assoluta certezza di essere un breve sbadiglio nella Notte dei tempi…

5 10 2007
Deborah

e se penso a che male…al male che fa…restarsene chiusi..in una camera buia…ad aspettare che la luce del giorno tolga via…le ombre…sulle pareti della mia anima..imbiancata di sogni…
 
 
qualcosa…in comune…
il gelo e quel freddo…forse…l\’attesa del caro Morfeo e l\’ingresso ai cancelli dell\’incubo…di quel sogno tanto proibito…dell\’amare la Vita..con l\’Assoluta certezza di essere un breve sbadiglio nella Notte dei tempi…

5 10 2007
Deborah

e se penso a che male…al male che fa…restarsene chiusi..in una camera buia…ad aspettare che la luce del giorno tolga via…le ombre…sulle pareti della mia anima..imbiancata di sogni…
 
 
qualcosa…in comune…
il gelo e quel freddo…forse…l\’attesa del caro Morfeo e l\’ingresso ai cancelli dell\’incubo…di quel sogno tanto proibito…dell\’amare la Vita..con l\’Assoluta certezza di essere un breve sbadiglio nella Notte dei tempi…

5 10 2007
Deborah

e se penso a che male…al male che fa…restarsene chiusi..in una camera buia…ad aspettare che la luce del giorno tolga via…le ombre…sulle pareti della mia anima..imbiancata di sogni…
 
 
qualcosa…in comune…
il gelo e quel freddo…forse…l\’attesa del caro Morfeo e l\’ingresso ai cancelli dell\’incubo…di quel sogno tanto proibito…dell\’amare la Vita..con l\’Assoluta certezza di essere un breve sbadiglio nella Notte dei tempi…

5 10 2007
Deborah

e se penso a che male…al male che fa…restarsene chiusi..in una camera buia…ad aspettare che la luce del giorno tolga via…le ombre…sulle pareti della mia anima..imbiancata di sogni…
 
 
qualcosa…in comune…
il gelo e quel freddo…forse…l\’attesa del caro Morfeo e l\’ingresso ai cancelli dell\’incubo…di quel sogno tanto proibito…dell\’amare la Vita..con l\’Assoluta certezza di essere un breve sbadiglio nella Notte dei tempi…

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...




%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: